Come accelerare il metabolismo in due mosse

Ieri ho creato il primo video di Dcomedieta per il nostro nuovo canale youtube: tratterò nei video gli argomenti più “scottanti” per le persone che vogliono dimagrire, argomenti che nel sito hanno richiesto due o più articoli. Oggi “sintetizzerò” anche grazie a un nuovo articolo due cose fondamentali da sapere se si vuole accelerare il metabolismo. Chi non vuole leggere può sempre vedere il video.
Sì lo so, l’audio è tremendo ma sto cercando di attrezzarmi! 😀

Che cos’è innanzitutto il metabolismo? Per metabolismo si intende il complesso di reazioni che il corpo fa partire per mantenersi in vita e svolgere al tempo stesso le sue normali attività.
Per metabolismo basale, intendiamo quel complesso di reazioni che ci permettono semplicemente di restare in vita, senza considerare tutte le attività che svolgiamo durante la giornata e che ci fanno bruciare calorie. Per metabolismo totale, si intende sia il metabolismo basale che tutti i processi di dispendio energetico che il corpo attua per fare fronte alle attività che svolge durante il giorno, sia volontarie, che involontarie, legate per esempio alla termogenesi alimentare, alla Neat, e così via.

Chi vuole accelerare il metabolismo in genere può trovare una serie di stratagemmi che vengono consigliati sia su internet che nei giornali. Per esempio, di muoversi di più, di fare pasti piccoli e frequenti, di mangiare più proteine per attivare la termogenesi postprandiale, e via dicendo.

In realtà, nessuno di questi trucchi è davvero efficace. Innanzitutto il metabolismo è un processo adattivo, ovvero si adatta alle risorse energetiche che noi gli forniamo allo scopo di farci restare in condizioni di salute e di equilibrio.

Il metabolismo si accelera solo nel momento in cui noi mangiamo di più e ovviamente il corpo deve essere messo nelle condizioni di non convertire quel cibo in grasso ma usarlo per scopi energetici. Come?
Facendo una dieta che ci fornisca tutti i macro e i micronutrienti necessari al nostro benessere: fornire un adeguato apporto di carboidrati, proteine e grassi da fonti di qualità, mangiare dalle due alle tre porzioni di verdura e due porzioni almeno di frutta. Scegliendo prodotti naturali, locali, allevati non intensivamente. Al tempo stesso, curare innanzitutto la salute: idratarsi in modo adeguato, riposarsi, ridurre lo stress.

Al tempo stesso, la seconda cosa importante da capire è che il nostro metabolismo basale è legato alla nostra percentuale di massa magra, dunque se vogliamo avere un metabolismo alto, dobbiamo allenarci per accrescere la nostra massa magra, mettere su un po’ di muscoli.
Questo per rispondere a quanti chiedono: ma quale attività fisica fare per dimagrire?

Una volta che abbiamo modificato il nostro stile di vita e migliorato la nostra alimentazione, può darsi che dimagriremo già naturalmente o che saremo ancora in sovrappeso: dando tempo al tempo, con lentezza una persona può assolutamente perdere peso anche solo facendo queste cose, ma con molta lentezza. Chi però vuole risultati rapidi senza tornare a rallentare il metabolismo deve evitare le diete troppo drastiche, ma scegliere delle diete in cui riduciamo il nostro fabbisogno calorico giornaliero di una percentuale che va dal 10 al 20 per cento di calorie in meno rispetto al nostro fabbisogno totale.
Possiamo evitare le prime due cose FONDAMENTALI e passare direttamente alla dieta? 
No. Sennò che cose fondamentali sarebbero???