Dieta del supermetabolismo: cos’è e come funziona

L’Huffington Post pubblica la notizia dell’uscita in Italia del libro “La dieta del supermetabolismo” di Haylie Pomroy, una specie di guru americana del metabolismo (ovviamente amata da tutte le star) che insegna un metodo efficace per dimagrire. Come sapete o intuite, infatti, il segreto per dimagrire è dimagrire, ovvero avere un metabolismo efficiente che ci permetta di bruciare più di quello che consumiamo, in modo costante, senza battute d’arresto.

Chi invece ci smette a dieta o peggio lo è sempre senza risultati o ancora lo è da un po’ e non vede più risultati (cioè pur restando a dieta ha come smesso di dimagrire) appartiene a una casistica comune in cui qualcosa nel metabolismo non funziona più in modo efficiente, proprio a casa del regime di restrizione dietetica che l’ha rallentato.

Cosa dice Haylie Pomroy? Certamente tornerò sull’argomento perché leggerò il suo libro, intanto però questa guru ha messo a punto una dieta del supermetabolismo, in grado a suo dire di farci perdere dieci chili in un mese, senza recuperi e battute d’arresto, proprio perché punta sull’accelerare il metabolismo.
Vediamo cosa dice in sintesi.

DIETA DEL SUPERMETABOLISMO

Si articola in tre fasi. Nella prima fase, che consta di due giorni (lunedì e martedì), bisogna far aumentare il metabolismo e calmarlo. Per due giorni si segue un regime povero di grassi che punta tutto sui carboidrati e sulla frutta, per fare in modo di nutrire il corpo e dargli energia senza stress.
– La seconda fase, dal mercoledì al giovedì, prevede solo proteine magre (pollo, albumi, ecc.) e verdure a foglia verde.
– Il venerdì, sabato e domenica (terza fase), dieta bilanciata con introduzione di grassi buoni (frutta secca, olive).
Questo per una settimana, con tre pasti principali e due spuntini che non si possono saltare.
Il regime va ripetuto per quattro settimane.
Insomma, è una specie di dieta dissociata in modo settimanale o dieta ciclica. La dieta del supermetabolismo non si basa sul conteggio calorico, ma sul cosa mangiare e quando mangiarlo. In realtà pone parecchie restrizioni. L’alcol è vietato, il caffè ve lo scordate, lo zucchero pure e tutti i prodotti derivati dal frumento (pasta, pane, pizza di frumento, ovvero di grano). Ok solo a stevia/truvia e xilitolo per dolcificare, ma sono gli unici dolcificanti ammessi. Sono vietati anche i latticini, la soia, il mais, il tè. Niente riso raffinato. In sostituzione delle farine normali, potete prendere altre farine: di farro, per esempio. Se volete la mia opinione è una buona dieta, ma se volessi perdere peso non la farei. Non si capisce perché la pasta di grano duro nuoccia al metabolismo, e che gli ha fatto lo yogurt e la ricotta alla nostra guru. Boh. Nel suo sito si trovano una serie di ricette e di suggerimenti per la dieta (alcune cose viste in rete sono agghiaccianti, già le sue più accettabili), ma per sapere come funziona dovete leggerla. Se volete fare la dieta del supermetabolismo (che a parte le restrizioni anche pesanti non mi sembra avere controindicazioni) l’unica è procurarsi il libro.
Aggiornamenti: Nel frattempo ho letto il libro, provato la dieta e scritto due articoli. In questo parlo dei limiti della dieta del Supermetabolismo, con impressioni non soltanto mie; in quest’altro, invece, trovate delle ricette utili per mandare avanti la dieta.