Dieta per diabetici, come migliorarla in una mossa

Come migliorare la dieta per diabetici o per chi ha un’insulino-resistenza da migliorare e la tendenza a ingrassare? Secondo gli esperti, esiste un trucco semplice che riguarda proprio l’indice glicemico degli alimenti che assumiamo, e che potrebbe essere una soluzione molto semplice per chi non padroneggia proprio bene i concetti di indice e carico glicemico e ha “paura” di non sapersi regolare con i carboidrati, anche e soprattutto per ragioni di salute. Il trucco, davvero molto semplice, consiste nell’anticipare un piatto proteico al piatto di carboidrati.


Proprio così: a pranzo mangiare prima il secondo e dopo il primo, spiegano gli esperti al 26esimo Congresso della Società italiana di diabetologia (Sid) tenutosi a Rimini. Mangiare prima proteine e grassi limiterebbe il carico glicemico dei carboidrati, allungando anche i tempi digestivi del pasto e permettendo così di tenere a bada l’insulina. Mettiamo tuttavia che voi non mangiare primo e secondo a pranzo, limitandovi a un primo piatto.
In questo caso come comportarsi?
Sono due le soluzioni possibili per migliorare la dieta per diabetici che non fanno pasti di troppe portate.
Iniziare il pasto con un piccolo antipasto proteico con una piccola quota di grassi e magari verdure.
Esempi: due cucchiai di hummus con carote, sedano e cetrioli crudi e un filo di olio di oliva.
Una barchetta di indivia con due cucchiai di ricotta o robiola mescolati con 4-5 olive e pezzetti.
Un uovo sodo o un pezzo di grana, più semplicemente, o un piccolo carpaccio di bresaola con molta rucola e un filo di olio.
La seconda soluzione per migliorare la dieta per diabetici consiste nel monopiatto, ovvero in un piatto bilanciato che contenga contemporaneamente proteine, grassi e una quota di carboidrati mista tra verdura e cereali. Ecco alcuni esempi:
– pasta e legumi, arricchita con verdure e un filo di olio;
– pasta con il tonno (meglio al naturale) e i pomodorini, o con salmone e zucchine
– pasta con ricotta e zucchine o asparagi
– una carbonara vegetariana (pasta, zucchine o asparagi, uova o albumi e una spolverata di formaggio)
– un carpaccio di pesce o carne con insalata di patate o una grossa patata al cartoccio.
Queste sono solo alcune proposte, ma per saperne di più vi invito a leggere la dieta del monopiatto.