Gonfiore di pancia, 5 modi per prevenirlo

Esistono ben cinque buone abitudini che prevengono i disturbi intestinali e il gonfiore di pancia: è quanto ha raccontato il dottor Dr. Vincent Pedre, gastroenterologo, in una recente puntata del dottor Oz Show, che ha sottolineato come fare queste cinque semplici cose aiuti a ristabilire una migliore flora batterica, senza eliminare particolari cibi, ma al contrario aggiungendone alcuni. Vediamole.

Gonfiore di pancia: le cinque cose che lo prevengono a tavola
Cosa puoi mangiare e quando per prevenire il gonfiore di pancia e favorire la regolarità intestinale? Esistono altri problemi non alimentari che ti causano gonfiore? 
1) A colazione prova uno smoothie di proteine vegane.
Le proteine vegane (miste, di riso integrale o di pisello) prese la mattina favoriscono la digestione e ti aiutano a bruciare di più. Basta mischiarne uno scoop a un bicchiere di latte vegetale, ma si possono anche aggiungere a un frullato. Sono facilmente digeribili. Accanto a questo smoothie puoi mangiare una o due fette di pane tostato con miele per colazione. Puoi acquistarle qui.  
2) Fai uno snack a base di fibre solubili a metà mattinata:
si tratta di cibi prebiotici, che possiamo sfruttare sempre prima di pranzo per aiutare la regolarità intestinale e favorire la digestione. Tra i cibi contenenti fibre solubili: mele, noci, semi oleosi. Uno spuntino ideale: una fetta di mela larga con un cucchiaino di burro di arachidi o mandorle, un cucchiaino di semi di zucca e una spolverata di cannella. Le fibre solubili nutrono i batteri buoni e favoriscono il senso di sazietà, limitando la tua voglia di mangiare. Altre risorse di fibre solubili: broccoli, avena, carote, miele. 
3) Usa l’olio di cocco dal pranzo alla cena:
l’olio di cocco contiene trigliceridi a catena media: è un grasso facilmente digeribile che aiuta la flora batterica intestinale. Usalo per cucinare le verdure, ripassandole in padella.
4) Prendi probiotici: puoi bere durante il giorno un bicchiere di latte di kefir, dell’acqua di kefir, dello yogurt con fermenti lattici vivi ma senza zucchero. Puoi usare dello yogurt anche in preparazioni salate. 
5) Evita di usare troppi igienizzanti:
non lavarti con prodotti troppo aggressivi. Molti igienizzanti causano un impoverimento delle difese naturali contro i batteri cattivi, mentre distruggono anche i batteri buoni. Questa cosa influenza anche la concentrazione di batteri intestinali, perché sbilancia totalmente la nostra percentuale di batteri buoni nell’organismo.