La dieta bilanciata a basso indice glicemico

Una dieta bilanciata a basso indice glicemico vi permetterà di perdere peso molto facilmente in due modi:
1) sfruttando il concetto di monopiatto o piatto unico bilanciato che vi permetterà di tenere sotto controllo le calorie
2) riducendo il carico glicemico e insulinico del piatto proprio grazie all’utilizzo di proteine magre e grassi combinate ai carboidrati a basso indice glicemico.
Se volete aiutare il metabolismo e soprattutto perdere qualche chilo di troppo senza sforzo ma la dieta dissociata a basso indice glicemico vi sembra troppo rigida e se non avete particolari problemi digestivi che vi inducono a prediligere la formula “carboidrati a pranzo e proteine a cena”, allora questo metodo alimentare semplice è quello che ci vuole. Innanzitutto è più variegato, perché si possono scegliere sia i cibi a basso indice glicemico che a medio indice glicemico (nel quantitativo di una tazza  o cup americana di prodotto lessato) ma anche quelli ad alto indice glicemico (nel quantitativo di un pugno chiuso della vostra mano). Ci saranno infatti proteine e grassi a rendere innocui anche gli alimenti ad alto indice glicemico evitando così di impoverire il vostro range di alimenti.
Vediamo in cosa consiste il metodo.
La dieta bilanciata a basso indice glicemico prevede due tipi di monopiatto: il monopiatto glucidico e proteico. In entrambi i monopiatti l’alimento in prevalenza dà il nome al piatto, ma il pasto risulta comunque bilanciato dalla presenza di altri ingredienti.

MONOPIATTO GLUCIDICO
UNA CUP O TAZZA DI CEREALI O LEGUMI LESSI A BASSO-MEDIO INDICE GLICEMICO +
RISORSA PROTEICA: 60 GR. DI TONNO AL NATURALE/CARNE IN GELATINA/PROSCIUTTO COTTO/SALMONE AFFUMICATO
oppure 1 UOVO
oppure 50 GR. MOZZARELLA/SCAMORZA/PROVOLA/RICOTTA/FIOCCHI DI LATTE/FETA
oppure 30 GR. FORMAGGIO STAGIONATO + VERDURE A PIACERE gr. 250 +

(SEGUE A PAGINA 2)