Diete drastiche: perché diffidare.

Ah, vorrei poter essere così: quante volte guardando la vip di turno sul red carpet non le abbiamo invidiato la linea e la bellezza? E come ci sentiamo quando nei giornali troviamo la cantante o l’attrice che un tempo abbiamo invidiato in una foto dove appare con la cellulite, i chili di troppo, il capello moscio e la faccia sbattuta come uno zabaione? Un sorriso soddisfatto, un’espressione di compatimento e qualche commentino acido scappa a tutte. Tipo: incredibile, ma che le è successo?

Credete davvero che esistano i miracoli? Che le persone dello spettacolo non si facciano irretire come tutti gli altri da promesse di diete drastiche assurde? Magari giusto in tempo per girare un film o presenziare alla notte degli oscar?


Il ragionamento che invece dovremmo fare è il contrario: se è capitato a loro, potrebbe capitare anche a me. E in questo caso non c’è il mezzo gaudio del mal comune. Pensate alle attrici Mischa Barton o Kate Winslet, alle cantanti Lady Gaga, Beyoncé, Britney Spears. Pensate a cantanti che da magre sono diventare anoressiche in poco tempo, e che in tempo ancora più breve rivediamo sovrappeso.
Ma come, con tutti i soldi che hanno, con un entourage di persone al loro servizio, possibile che le celebrities non sappiano mangiare bene?
La risposta, evidente sotto gli occhi di tutti, è: no. Anche le celebrità sono vittime del cosiddetto effetto yo-yo. Colpa di diete drastiche e spesso campate in aria. Guaine e pancere per sembrare snelle agli eventi, e far scendere bene il vestito. E poi, diciamocelo: un sacco di photoshop. Ma soprattutto, comportamenti alimentari altalenanti, stravizi, periodi in cui si alterna una intensa attività fisica alla totale assenza di movimento, danno questi risultati qui. E specie dopo i trenta, quarant’anni, il corpo ci presenta il conto: metabolismo rallentato dalle troppe diete, un incremento della cellulite nelle donne che, va bene, sarà pure un fatto fisiologico, ma certo i tacchi alti tutto il tempo, gli abiti strizzati e il fatto che beviamo poca acqua ci hanno reso divina come una di quelle donne alla Rubens, con due cosce e un culo che sembrano un aranceto, altro che buccia.

Perciò, quando aprite una rivista e ci trovate consigli di diete drastiche che hanno fatto dimagrire i vip decine di chili, fatevi qualche domanda. Ci sono star come Gwyneth Paltrow che sembrano inossidabili, granitiche anche nelle loro scelte di dieta. Magari per noi esagerano, non vogliamo mangiare insalata tutta la vita o mangiare solo semi. Però, fateci caso: queste persone più che una dieta hanno adottato uno stile di vita.

Se non vogliamo vedere su di noi i nefasti effetti yo-yo che le celebrities sembrano portarsi appresso con dignità e menefreghismo (salvo poi ricorrere alla lipo: è il caso della cantante Lily Allen), cerchiamo di imparare dai loro errori, perché non siano anche i nostri:

– No a diete drastiche che vi promettono di perdere quindici chili in due settimane.
Scegliete la dieta che vi sembra più ragionevole e fattibile: non la abbandonerete al secondo giorno.
– Scegliere una dieta dove sia contemplato anche un periodo di mantenimento, che vi permetta di mangiare senza affamarvi e al tempo stesso di non riprendere il peso perso.
– Scegliete una dieta con scelte alimentari che non vi sembrano estreme: è inutile cibarsi di radici per due settimane per poi dalla terza tornare al fast-food con l’occhio dello psicopatico e la tremarella da astinente.
– Cercate di fare vostre (e mantenere) delle buone abitudini, per non stressare più il vostro corpo: la scarpa tacco quindici riserviamola alla serata speciale; facciamo ginnastica almeno tre volte a settimana; evitiamo di mangiare fuori pasto e a tutte le ore; beviamo almeno un litro e mezzo di acqua al giorno; mangiamo più frutta e verdura e limitiamo il sale. Sono tutte scelte ragionevoli e salutari che ci faranno sentire un po’ star.
Link utile: Mischa Barton e la dieta
Diete drastiche, gli effetti