A cena con dieta: come dimagrire mangiando al ristorante

dimagrire mangiandoStasera vado a cena fuori. Sono contenta di uscire perché il tempo è splendido, mangerò il giusto e mi godrò la cena senza patemi, ma c’è stato un periodo in cui, temendo di ingrassare, ero addirittura capace di reclinare gli inviti. Va be’, nel mio caso spesso si trattava di cenare a casa della suocera, ma scrivo questo articolo per chi invece sta a dieta e vuole comunque avere una vita sociale normale, uscendo e andando a cena come tutti gli esseri umani a questo mondo. Ma come è possibile dimagrire mangiando fuori o al ristorante? Vi assicuro che non è facile resistere alle tentazioni e che lo sgarro ci può scappare, ma in generale è questione di tecnica, furbizia e un po’ di allenamento. Dopo questi consigli uscire di casa anche se state a dieta e avete la tentazione di portarvi il bilancino camuffandolo nella maxi-bag non sarà più un problema. Indipendentemente dalla dieta che state facendo o anche se semplicemente volete stare attente per non prendere chili fatali. Perché come avrete intuito dimagrire senza sforzo è un’utopia, ma ingrassare senza sforzo si può! E poi sono cavoli vostri, mi raccomando soltanto lessi.
Prendendo spunto da questo simpatico articolo, D. vi dà qualche dritta per dimagrire mangiando fuori o al limite non ingrassare.
– Il sale, questo sconosciuto: evitate pesti, salse e cibi salati. Non iniziate a mangiare arachidi salate o patatine per aperitivo. Non salate le pietanze quando il condimento è libero. Se andate a mangiare al giapponese, lasciate stare la salsa di soia.
– Vai con la griglia! Mangiate un bel piatto di pesce grigliato, rispetto alla carne. E in generale, evitate fritture e cose pesantine. La fritturina meglio farsela a casa. A cena solo piatti arrosto, freschi e crudi, al vapore o grigliati.
– Vai con il Risiko: ragazzi miei, dovete essere strateghi, tutti i magri un po’ lo sono. Se sapete che dovete andare a cena fuori, a pranzo mangiate una bella insalata, prediligete frutta e verdura e pochi minuti prima di uscire mangiatevi una male. Sarete sazi fino a cena ed eviterete di sbocconcellare il pane. Inoltre durante il giorno sarete stati attenti alle calorie.
– Vino e basta: acqua o vino, senza eccedere, con preferenza per i vini secchi. Niente superalcolici, niente bollicine, niente grappino a fine pasto. Il limoncello per voi sarà un simpatico appellativo per indicare un piccolo limone.
– Stuzzichino? Ma anche no. Evitate di guastarvi l’appetito con assaggini vari, pane dal cestino, grissini o taralli. Per non sentirvi ridicoli, pensate di essere a una cena galante, quelle in cui la gente mastica per ore un pezzetto di astice e si alza senza doversi slacciare il bottone della gonna o dei pantaloni. Immaginate di dover fare l’amore subito dopo. Si può a panza piena? No. Quindi meglio un piatto e un contorno e un solo strappo vero: ad esempio il dolce, optando più per creme o gelati freschi e leggeri che per torte.
– Cosa preferire? Io direi le proteine. Se andate fuori a cena, è meglio un pasto proteico come piatto principale. Carne o pesce, un bel carpaccio, un contorno di verdure e un sorbetto finale. Puntate molto sulla qualità, anche sulla scelta del ristorante: la trattoria è buona, ottima, ma se siete a dieta fatevi bastare il taglio di carne di qualità, che non il vassoietto di pastasciutta.
– E vai col liscio! O con la passeggiatina. Non siete usciti a cena per mangiare, ma per divertirvi. Dopo cena, uscite a fare quattro passi, andate a ballare o chessò io. Non è detto che mangiare fuori significa abbuffarsi e dover tornare a casa per prendersi il maalox. Non è il matrimonio di nessuno.
– Non ci pensate. Non troppo: una volta che avete provato a fare attenzione, i casi sono due. Ci siete riusciti oppure no. In caso non ci siete riusciti, avete tirato un bel sospirone di fronte al tortellone e vi siete detti, massì, chissene, domani si pensa, beh, appunto, non colpevolizzatevi subito dopo. Il giorno dopo starete più attenti, l’importante è non esagerare, ma anche pensare che è assurdo pensare sempre al cibo, e se siete usciti è per rilassarvi, stare bene o godervi la serata. Quello conta.