Come mangiare poco e sentirsi sazi

Come mangiare poco e sentirsi sazi lo stesso? Oggi vi spiego una tecnica chiamata Half Time, e messa a punto dalla coach e nutrizionista Georgie Fear.
Si tratta di una tecnica molto efficace che soprattutto con il tempo ci insegna come mangiare poco ma sentirsi ugualmente soddisfatti, e che può essere praticata ogni volta che mangiamo.
Inizialmente potrà essere difficile, ma più la si sperimenta maggiori vantaggi si ottengono poco per volta. C’è chi solo usando questo metodo è riuscito a dimagrire svariati chili senza fare una dieta specifica.

Curiosi? Vediamo insieme come mangiare poco e sentirsi sazi con il metodo Half Time.

COME MANGIARE POCO E SENTIRSI SAZI: LA TECNICA HT

  1. Questa tecnica va fatta dal primo piatto e per ogni piatto che consumiamo.
  2.  Dividere ogni porzione in due. 
    Una volta che ci siamo serviti, dividiamo in due parti il nostro cibo. Se il nostro cibo è un numero dispari (per esempio tre pizzette, tre cannelloni, tre pasticcini), dividiamolo per singole unità (quindi delimitiamo una pizzetta, un cannellone, un pasticcino). Possiamo usare un coltello, delimitare il purè con una forchetta, usare un cucchiaio.
    L’importante è creare una linea visibile (anche solo a noi) di demarcazione del piatto in due parti. Non dobbiamo né servirci di meno né mettere da parte il cibo.
    Semplicemente va creata una linea di divisione all’interno del piatto. Non occorre fare altro.
  3. Mangiamo la prima metà.
    Mangiamo come sempre la prima metà del nostro piatto. Arrivati alla linea di demarcazione, fermiamoci per un minuto o due, beviamo un sorso di acqua, fermiamoci per un altro minuto e guardiamo bene il cibo. Ci va ancora tutto? Quanto siamo sazi? Quanto ne abbiamo voglia? Pensiamoci un attimo. Se abbiamo ancora fame, affrontiamo la seconda metà, questa volta più lentamente.
  4. Lasciare ciò che non ci va.
    E’ molto probabile che dopo una o due volte che usiamo questa tecnica una parte della nostra metà non ci vada più. A questo punto dobbiamo rimuoverla dal piatto e conservarla o, se siamo fuori a cena, lasciarla là.
    Niente sensi di colpa e niente “se non si mangia si butta”. Non deve importarci. Una volta che per abitudine ci renderemo conto di lasciare troppi avanzi, allora potremo cucinare anche meno. Dunque è meglio conservare o lasciare nel piatto anziché mangiare tutto.

Approfondimenti:
4 modi per mangiare meno senza contare le calorie secondo Georgie Fear.

Chiudi il menu