Come riattivare il metabolismo se sei in stallo

Moltissime persone soffrono di metabolismo lento, principalmente per tre cause: invecchiano, riducendo proporzionalmente la loro massa magra; fanno diete che non sono adatte a loro per provare a dimagrire velocemente, con il risultato che senza una giusta temporizzazione e una ciclicità delle diete, senza un piano di mantenimento adeguato, senza la giusta proporzione di macronutrienti (poche proteine e poche calorie possono portare al disastro, così come pochi carboidrati per troppo tempo); sono sedentarie, e lo diventano sempre più. Oggi scopriremo come agire per riattivare il metabolismo, ovvero per partire da una situazione metabolica di stallo a una in cui il corpo riprende a bruciare energie correttamente.
Innanzitutto, quando si accelera o riattiva il metabolismo non si dimagrisce automaticamente, anzi. Tendenzialmente l’unica strada per riattivare il metabolismo è mangiare di più, mentre vi sconsiglio i prodotti miracolosi, come termogenici e bruciagrassi. In un primo momento dunque il peso potrà essere stabile o anche aumentare, per poi dimagrire più velocemente in un secondo momento. Ecco dei consigli che possono aiutarvi a riattivare il metabolismo in modo sano.

COME RIATTIVARE IL METABOLISMO: IL PIANO DI EMERGENZA!
1) Smettila di mangiare sempre meno: se vuoi dimagrire e non ci riesci, tagliare ulteriormente le calorie ti porterà alla catastrofe, e ingrasserai per un nonnulla. Quindi smettila. Ripensa alla tua dieta, introducendo 50-100 calorie a settimana. Puoi introdurre 100 calorie in una settimana, poi stare fermo due settimane, poi alzare ancora le calorie.
Se le diete che hai fatto erano bilanciate nei carboidrati, per esempio erano diete ipocaloriche di tipo mediterraneo, puoi aggiungere 50 calorie per volta di proteine, che corrispondono a 50 gr in più al giorno di carni magre o a 35 gr di tofu o a 50 gr in più di legumi secchi o 15 gr circa di formaggio stagionato. Se le diete che hai fatto erano invece proteiche e low carb, devi aggiungere almeno 50 calorie a settimana di carboidrati. Per esempio mezza banana o patata in più, 20 gr di pane in più, 15 gr di pasta in più.
2) Concentrati su alimenti funzionali che aiutano il metabolismo: per esempio olio di cocco e formaggi caprini che contengono trigliceridi a media/corta catena, e che supportano il metabolismo. Gli omega3, che puoi trovare in pesce, semi di chia, semi di lino, olio di lino, noci. Gli antiossidanti, che puoi trovare in frutta e verdura fresche e di stagione.
3) Inizia a pensare a qualche attività per aumentare la massa magra: attività come pesi in palestra, ginnastica funzionale, e altre attività anaerobiche che stimolano la crescita muscolare sono da prediligere ad attività puramente aerobiche. Puoi anche fare un’attività da casa a corpo libero, purché non sia blanda ma stimoli la crescita muscolare.
4) Riposa di più e non pensare a diete e a bilancia: prova a concentrarti su altro che non sia il tuo aspetto fisico o il cibo. Cerca di ridurre lo stress da bilancia e lo stress da diete, riposa di più, cerca di distrarti.
Questa storia che ti linko adesso è significativa proprio di questo problema: ecco come una ragazza è riuscita a riattivare il metabolismo e dimagrire pur partendo da una situazione di sovrappeso che le diete ipocaloriche non risolvevano.
La trovi qui. 

Per ulteriori approfondimenti:
COME MANGIARE DI PIÙ E DIMAGRIRE LO STESSO
MANGIARE DI MENO E MUOVERSI DI PIÙ: FUNZIONA SEMPRE PER DIMAGRIRE?