Dieta e prevenzione cancro: non si guarisce con nessuna dieta

prevenzione cancroChe il cancro sia diventata la cartina di tornasole di molte diete è una cosa inquietante: vi ricordo, infatti, che al di là dei risultati di qualche studio che però vengono a loro volta smentiti da altre ricerche, non si può curare il cancro con l’alimentazione. Si può dire senza essere smentiti che una corretta alimentazione è uno strumento di prevenzione di alcune malattie, tra cui il cancro. Ma cosa significa, prevenzione? Significa che tendenzialmente possiamo ridurre il rischio di ammalarci di cancro tramite un’alimentazione corretta, ma che non possiamo eliminare del tutto questo rischio. Oggi, chi vi dice il contrario, anche se è un medico, verrebbe smentito da altri dieci, cento, mille medici.

Ancora peggio, quelli che dicono di poter guarire il cancro, ridurre le metastasi ecc., tramite l’alimentazione. Davvero, diffidate.

In questo articolo vi dimostrerò come due ricerche su alimentazione e cancro sono esattamente l’una l’opposto dell’altra, a parte un unico punto in comune, l’esigenza di mangiare i cosiddetti grassi buoni.
Veniamo ai fatti: il dottor T. Colin Campbell, nutrizionista ottantenne, pubblica un libro, The China Study, assieme al figlio. In Italia il libro fa scalpore e ne parlano anche Le Iene. Si diffonde la notizia che una dieta vegetariana possa far guarire dal cancro. Proteine del latte e proteine animali favoriscono l’insorgenza del cancro, secondo Campbell: occorre invece mangiare cereali non raffinati, frutta, verdura, legumi, noci e nocciole a volontà, pesce e olii vegetali con moderazione, assieme ai carboidrati raffinati. Da evitare uova, formaggi, carne, grassi “cattivi”.
Lo studio di Campbell si inserisce nel filone degli studi “proteine animali vs cancro”: una riduzione delle proteine animali nella dieta è utile alla prevenzione di alcune malattie. Campbell in effetti va oltre, parla di guarigione. Di tutto questo si è discusso fino ad aprile, maggio, in termini anche molto accesi per via della complicità mediatica.

Veniamo invece alle ultime news: una dieta chetogenica, ovvero una dieta ad alto contenuto di proteine e grassi ma povera di zuccheri e carboidrati (di qualunque tipo, non si discute troppo sulla loro natura) ridurrebbe le cellule cancerose. A usare questa ricerca come arma per dire che la dieta chetogenica, ovvero proteica, guarisce dal cancro è il medico Thomas N. Seyfried, poi appoggiato da un certo Noakes, autore di The Real Meal Revolution. Certo, non parla solo di proteine, ma di dieta proteica e ad alto contenuto di grassi, come la Atkins (=uova, formaggi, carne, pesce e grassi, sia buoni che cattivi, per dirla in modo semplice, per esempio compreso burro e maionese), eppure la sua posizione è opposta a quella di Campbell. Chi ha ragione? A guardare il modo in cui si è arrivato a dire che la dieta proteica riduca le cellule cancerose, i dubbi che mi assalgono sono molti (li leggete in questo articolo).
Ma queste due notizie vi dimostrano che al momento nessuna dieta guarisce il cancro, e che addirittura due correnti di pensiero sono così sicure sulle loro verità di dieta e prevenzione oncologica da dire e scrivere cose diverse.

Chiudi il menu