Dieta vegetariana dimagrante

Molte persone pensano che un regime vegetariano sia automaticamente un regime dimagrante: togliendo carne e insaccati si dimagrisce automaticamente, no? Purtroppo no.
E’ vero che molti vegetariani sono magri, ma è dovuto al fatto che mangiano molta più frutta e verdura rispetto a persone che fanno una dieta onnivora.

In realtà, i vegetariani spesso mangiano più carboidrati, più grassi e meno proteine (e in misura analoga o peggiore la stessa cosa accade ai vegani), perciò, più che magri hanno spesso un filo di pancetta.

Sembra strano, ma molti di loro hanno una conoscenza lacunosa o parziale dei cereali e delle proteine vegetali, alcuni si riempiono di zuccheri, ad esempio biscotti e prodotti da forno confezionati. E tanta frutta secca.
Questo alla fine rende difficile mettere a punto una dieta dimagrante che funzioni e abbia un buon apporto proteico.

Chi vuole approcciarsi a una dieta vegetariana dimagrante deve assolutamente conoscere tutte le risorse proteiche vegetali
. Anche per non abbondare in latticini e uova per compensare la mancanza di carne o pesce.

Il consiglio di evitare cibi poveri di nutrienti e industrali vale ovviamente anche per un vegetariano.

Ecco gli alimenti che possono darvi proteine vegetali e aiutarvi in una dieta vegetariana dimagrante.

DIETA VEGETARIANA DIMAGRANTE

Colazione.
Porridge con 50 gr. di avena e 200 ml di latte scremato.
Oppure 50 gr. di quinoa soffiata o 40 gr. cereali soffiati integrali con latte o yogurt greco scremato.
Oppure fino a 4 gallette di riso o farro integrali con marmellata senza zuccheri aggiunti e un bicchiere di latte di soia.
Oppure milkshake con latte di mandorle, un cucchiaio di cacao amaro, due o tre gherigli di noce, una banana.
Bevande e cibi vanno zuccherati con la stevia.

Spuntino con un frutto a scelta.

Pranzo.
Alla pasta alternare i legumi (lenticchie, ceci, fagioli, piselli, fave) in tutte le loro varietà, ma soprattutto i cereali più preziosi e ricchi di aminoacidi come quinoa, amaranto, miglio, farro e orzo.
Se siete a dieta, ne bastano 50 gr. cucinati con verdure e ortaggi a volontà, spezie e un cucchiaino di olio.
Da alternare a zuppe di soli legumi, partendo da 60 grammi di legumi secchi (o 200 grammi in scatola, scolati). Più due noci o un frutto piccolo.

Spuntino. Uno yogurt magro o alla frutta  o una piccola macedonia da 150 gr con una manciata di semi di chia.

Cena. Queste le alternative con risorse proteiche.
– Una minestra di verdure arricchita con un cucchiaio di farina o semi di canapa e alghe sminuzzate (verdure a scelta, acqua, un dado, un cucchiaio scarso di farina di canapa, alghe a scelta, del tofu o del seitan a tocchetti.
– Una omelette di albumi ai funghi e del pane di farro (40 gr) bruschettato con un cucchiaino di olio e pomodoro.
– Verdure ripiene di 80 grammi di tofu, spezie ed erbe aromatiche più un cucchiaino di semi misti.
– Spezzatino  con 100 gr. seitan e verdure a scelta più una manciata di lupini.
– 50 grammi di formaggio stagionato alla griglia e insalata o una confezione di fiocchi di latte da 200 gr o 100 gr. mozzarella o provolone e insalata. Un frutto.
– Hummus da 100 grammi di ceci sgocciolati, con verdure crude a volontà e due gallette di riso.
– Una porzione da 150 gr di muscolo di grano, che può essere anche fatto in casa e preparato alla griglia o arrosto e accompagnato da verdure. Più un frutto piccolo.

Et voilà. La dieta vegetariana dimagrante è servita.


Articoli correlati

Dieta vegetariana dimagrante

di Eleonora Bolsi tempo di lettura: 3 min