Dimagrire in una settimana con la dieta semplice di Hyman

Il dr. Hyman è un medico molto noto negli Usa: è autore di numerosi libri sulla nutrizione, spesso punta sul concetto di detox, cioè di disintossicarsi dai cibi cattivi, è ospite di numerosi programmi e in genere è l’esperto che chiamano a commentare fatti o notizie sulla nutrizione nei telegiornali, o che è presente nei documentari. Dirige inoltre una clinica privata nota come UltraWellness Center. Di recente, in tv, il dottor Hyman ha presentato una dieta semplice, si chiama proprio così, Ultrasimple slimdown, che dovrebbe permetterci di dimagrire in una settimana.


Dichiarandosi lui per primo scettico riguardo alle diete drastiche, il dottor Hyman dice di aver sviluppato un piano alimentare facile e veloce per perdere peso in una settimana, senza strascichi per la salute. La dieta dura appunto una settimana, ma va iniziata dalla settimana precedente, attraverso una “fase di preparazione” in cui bisogna eliminare dalla settimana prima alcuni cibi che secondo Hyman rallentano il nostro metabolismo. Eccoli:
– eliminate il caffè e il tè, a parte il tè verde
– eliminate i carboidrati raffinati e gli zuccheri
– sciroppo di mais e cibi che lo contengono (leggere le etichette)
– grassi idrogenati (quelli dei prodotti di supermercato)
– fast food e cibo lavorato industrialmente
Ok, ve la faccio semplice: dovete eliminare i carboidrati raffinati (bianchi), il caffè e il tè, lo zucchero e tutti i prodotti che comprate in genere al supermercato. Solo prodotti freschi e magri già dalla settimana prima di iniziare la dieta: frutta, verdura, carne fresca, pesce fresco, latticini magri, olio, uova, cereali integrali.
Nei sette giorni successivi, quelli della dieta vera e propria, il dr. Hyman dice di dover mangiare SOLO:
– pesce di piccola taglia, legumi, riso integrale, frutti di bosco, petto di pollo, noci a parte le arachidi, semi oleosi, limone, ortaggi a parte i pomodori e verdura in foglia, semi di lino, tofu e latte di soia. Cotture: griglia o vapore, niente fritture.
Sono da evitare come la peste: zucchero e dolcificanti di ogni tipo, anche senza calorie, anche la stevia; alcol, caffeina, frutta acidula (a parte i limoni e i frutti di bosco), uova, latticini, olio e burro che non siano evo, ogni prodotto confezionato, carne rossa, tutti i farinacei, il mais. Si mangiano solo gli alimenti concessi sopra e niente altro. Per una settimana.
Le quantità? (segue a PAGINA 2)

Chiudi il menu