Donna ha rischiato di morire per uno shake dimagrante

Come ho già detto molte volte, e ho ripetuto nel breve libro “La dieta dei pasti sostitutivi”, bisogna stare molto attenti agli shake dimagranti, soprattutto se si tratta di prodotti commercializzati come utili alla perdita di peso, e non sono semplicemente proteine del siero del latte o vegane in polvere. Uno shake dimagrante di una nota azienda nel campo dei pasti sostitutivi e dei prodotti della perdita di peso ha infatti causato uno shock anafilattico a una donna australianaAinsley Mackay.

E’ stata la figlia di 4 anni a chiamare il pronto soccorso per lei, e i paramedici sono riusciti a salvarla arrivando tempestivamente. Ma purtroppo sono molti i casi di avvelenamento e reazioni avverse per colpa degli shake dimagranti. Non si tratta infatti del loro contenuto di proteine, ma degli eccipienti che vengono aggiunti nei prodotti, e che negli ultimi anni hanno causato intossicazione epatica, morte e gravi allergie ad alcuni consumatori in tutto il mondo.

Peccato però che di queste notizie in Italia se ne sappia molto poco.

Il consiglio è dunque quello di non comprare a caso il primo integratore o la prima bevanda a effetto bruciagrassi, tentati dalle foto che vedete online. Soprattutto se la lista degli ingredienti, quando c’è, non vi è perfettamente chiara, e ci sono sostanze di cui non avete mai sentito parlare prima. E’ sempre meglio rivolgersi a un nutrizionista esperto, a un dietista o a un dietologo, e mai a un coach che in realtà si rivela essere solo un venditore di prodotti.


Donna ha rischiato di morire per uno shake dimagrante

di Eleonora Bolsi tempo di lettura: 1 min