I giusti integratori per glicemia alta

Se si volesse abbassare la glicemia senza farmaci, quali sono gli integratori ideali da assumere?

Al fianco di una dieta a basso indice glicemico come questa qui, e un’attività fisica aerobica a bassa intensità da fare giornalmente come camminare, esistono degli integratori per glicemia alta da considerare prima dei farmaci che riducono gli zuccheri nel sangue.

In questo articolo parlerò appunto di tre di questi integratori per glicemia alta, che possono fare la differenza per chi è iperglicemico o soffre di diabete di tipo 2.

INTEGRATORI PER GLICEMIA ALTA E DIABETE DI TIPO 2

  1. Magnesio.
    Sono molti gli studi che hanno sottolineato il legame tra carenza di magnesio e diabete di tipo 2. Una supplementazione di magnesio migliora infatti la sensibilità insulinica, quindi permette al corpo di gestire meglio la glicemia. Le persone con problemi di glicemia alta o diabete di tipo 2 perdono più magnesio con l’urina di chi ha la glicemia sotto controllo. Basterebbe quindi prendere un integratore di magnesio, come il magnesio supremo o il magnesio citrato, o ancora, se non si vuole prendere un integratore per bocca, si può usare il magnesio a uso topico, in questo caso anche più volte al giorno.

    Questo soprattutto per chi ha problemi digestivi quando assume magnesio.
    Il magnesio per bocca si prende preferibilmente dopo pasto, di sera. In questo modo, aiuta anche a regolare il sonno.
    L’olio a uso topico si fraziona sulle gambe di sera, ma può essere anche preso durante il giorno.
  2. Acido alfa lipoico.
    L’acido alfa lipoico è una sostanza che ci protegge dai danni dello stress ossidativo e in particolare agisce contro la glicazione. I radicali liberi compromettono la funzionalità delle cellule, e hanno un ruolo nello sviluppo del diabete di tipo 2. L’acido alfa lipoico migliora la sensibilità delle cellule all’insulina e la gestione della glicemia. E’ un integratore molto importante per chi soffre di iperglicemia.
  3. Schisandra, in estratto secco. 
    La schisandra chinensis è una bacca ricca di vitamina C e a forte azione antiossidante. Migliora la capacità del corpo di adattarsi allo stress, migliora la circolazione, previene i danni al sistema circolatorio e agli occhi del paziente diabetico. Rafforza infine il sistema immunitario. Si può assumere al mattino, prima del pasto, in associazione all’acido alfa lipoico. L’estratto secco è preferibile alla formulazione in polvere disidratata delle bacche, che hanno un sapore molto asprigno.Parallelamente a questi tre integratori per glicemia, consiglio a chi ha questo problema di assumere ogni giorno un integratore di vitamine del gruppo B. Le vitamine del gruppo B sono molto importanti per il metabolismo dei carboidrati e degli amminoacidi. Meglio assumerle di mattina, perché hanno un effetto immediato sul metabolismo, e di sera possono dare palpitazioni o agitazione. Vanno rigorosamente assunte con un pasto, preferibilmente dopo, che contenga carboidrati.

    Questo è l’integratore che preferisco, perché ha il niacinammide per vitamina B 3 al posto della niacina.
Chiudi il menu