La dieta Abs: via 10 kg con la dieta della pancia piatta

Se siete alla ricerca della dieta perfetta ecco un ottimo regime dietetico per raggiungere una forma fisica invidiabile in un mese e mezzo.
Sì, perché bastano sei settimane per perdere 10 chili con la dieta della pancia piatta Abs.
E con qualche accorgimento e qualche concessione in più rispetto al piano di dimagrimento questa potrebbe diventare una dieta da seguire per tutta la vita.

DIETA ABS: COME FUNZIONA?

La Abs Diet, la dieta degli addominali o la dieta della pancia piatta è un regime alimentare che non tiene conto delle calorie ma è basato su alcuni super cibi, ma che per funzionare deve però essere associata a una attività fisica.

Si può scegliere tra fare tre allenamenti settimanali di un’ora in palestra o mezzora di allenamento tutti i giorni, anche a casa.
Oggi sono tante le scelte che possono permettervi di avere risultati eccezionali anche con un semplice tappetino, come l’HIIT.
Ma torniamo alla dieta Abs.

Esiste una versione sia per gli uomini che per le donne di questa dieta.

DIETA ABS: LA DIETA PANCIA PIATTA PER PERDERE 10 KG

Su cosa si basa la ABS diet e perché è definita la dieta della pancia piatta? Semplice.
Si tratta di un regime dietetico che si basa su un piano alimentare bilanciato per riattivare il metabolismo e in particolare bruciare il grasso della zona addominale.

Quel grasso che una dieta con eccesso di zuccheri e cibi raffinati ci porta a depositare proprio lì, sul maledetto punto vita.

La dieta della pancia piatta ABS dice che occorre mangiare ben sei volte al giorno, puntando su spuntini piccoli e tre pasti principali:
colazione, spuntino, pranzo, spuntino, cena, spuntino.
E’ pensata anche per ridurre il problema della pancia gonfia, limitando il carico glicemico e lipemico dei pasti, ma anche calorico. In questo modo la digestione è migliorata.

DIETA ABS: LA DIETA PANCIA PIATTA, REGOLE

Non ci sono altre limitazioni, tuttavia è NECESSARIO mangiare almeno due dei seguenti cibi a pasto, compresi gli spuntini.

  1. Mandorle o altre noci nelle dosi di 10 grammi a pasto.
  2. Fagioli e altri legumi nelle dosi di 100 grammi a pasto (peso da cotto), dosi doppie per gli uomini.
  3. Spinaci o altre verdure a foglia verde nelle dosi di 2-300 grammi a pasto.
  4. Latticini e formaggi tra fiocchi di latte e yogurt greco scremati (150 grammi), quark magro (150 grammi) o skyr e ricotta light (100 grammi), dosi doppie per gli uomini.
  5. Carni magre tra cui tacchino, pollo, vitello magro nelle dosi di 100 grammi a pasto, dosi doppie per gli uomini. 
  6. Uova nelle dosi di 2 massimo o albumi nelle dosi di 150 grammi.
  7. Avena in fiocchi (magari per colazione) nelle dosi di 40 grammi a pasto, doppie per gli uomini.
  8. Ribes, bacche e altri frutti di bosco nelle dosi di 150 grammi.
  9. Cereali, pasta o pane integrali nelle dosi di 40 grammi a pasto, doppie per gli uomini, o 120 grammi di patate o 50 grammi di pane integrale.
  10. Olio di oliva nelle dosi di 10 grammi a pasto /due cucchiaini rasi.
  11. Polvere proteica (questo per gli sportivi, tipo whey o caseine) nelle dosi di un misurino da 25 grammi a pasto.
  12.  Burro d’arachidi nelle dosi di un cucchiaino.

    Pasti come colazione, pranzo o cena devono prevedere due alimenti dalla lista + un frutto da 100 grammi o 250 grammi di verdura a scelta + 50 calorie libere. Queste calorie di bonus possono venire da un bicchiere di latte scremato o di soia da 150 ml, un pezzetto di cioccolato fondente da 8 grammi, 2-3 fette di prosciutto o poco formaggio grattugiato per insaporire i piatti.I tre spuntini invece devono prevedere solo due alimenti dalla lista tranne i punti 7, 9 e 10.
    Spezie, succo di limone, aceto di vino o mele ed erbe aromatiche sono libere.

    (segue A PAGINA 2)

Chiudi il menu