La dieta dei 3 giorni del dottor Migliaccio

La dieta dei 3 giorni del dottor Migliaccio, medico nutrizionista, dietologo, gastroenterologo e presidente della S.i.s.a. (Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione), è una dieta last-minute o di compenso ideata per chi ha sgarrato un po’ nel week end e vuole rimettersi subito in forma. Capita infatti nel week end di esagerare alla cena del sabato mangiando fuori e di avere un invito per il pranzo della domenica.

In questo caso ci si trova ad avere esagerato per due giorni di fila (o anche tre se consideriamo qualche eccesso nel venerdì) e avere la necessità di sgonfiarsi e perdere il peso accumulato.

La dieta di 3 giorni è un buon compromesso: non è una dieta da seguire per più tempo, e prevede un giorno più restrittivo il lunedì (a base sostanzialmente di frutta), quando anche per i giorni precedenti è più facile ridimensionarsi con il cibo. Il martedì e il mercoledì sono giorni in cui si mangia invece in modo bilanciato ma senza esagerare con le porzioni.
Vediamola insieme!

LA DIETA DEI 3 GIORNI DEL DOTTOR MIGLIACCIO

Lunedì
Colazione: 100 ml (circa mezzo bicchiere) di latte parzialmente scremato + un frutto di stagione a scelta. Caffè o tè come da consuetudine ma senza zucchero (ok stevia o altri dolcificanti da zero calorie)
Spuntino: un frutto di stagione
Pranzo: una coppia di macedonia senza zucchero aggiunto (ok succo di limone) o circa 250/300 gr di frutta mista di stagione.
Merenda: un frutto di stagione
Cena: tagliata di frutta fresca o macedonia senza zucchero aggiunto.
Frutta consigliata per il lunedì: mele, kiwi, arance, clementine, pere, ananas, melone cantalupo, pesca. Meglio evitare invece: avocado, cachi, banane, uva o altri frutti molto zuccherini.
Martedì e Mercoledì
Colazione:
200 ml di latte parzialmente scremato (ok anche di soia) + una fetta biscottata con un cucchiaino di marmellata. Caffè o tè come da consuetudine ma senza zucchero (ok stevia o altri dolcificanti da zero calorie)
Pranzo: un piatto di verdura cruda tra finocchi, sedano, insalata, valeriana, songino, indivia belga, radicchio, cetrioli.
Una porzione media di pesce fresco (circa 120 gr) o tonno al naturale (porzione da 116 gr) + 40 grammi di pane tostato + una porzione di verdura cotta a piacere.
Cena: vedi pranzo.
Spuntini:
non sono previsti per il giorno due e tre. Se si ha fame ci si può aiutare con dei cetrioli, del sedano, del finocchio crudo.
Acqua: berne due litri al giorno.

Attività fisica: astenersi da attività fisica pesante nella dieta dei 3 giorni, optando per mezzora di camminata a passo svelto.

Per chi ha problemi a mangiare frutta nel primo giorno: fare il lunedì come il martedì e il mercoledì, escludendo il pane tostato sia a pranzo che a cena e optando per 200 gr di frutta poco zuccherina in tutto per gli spuntini (100+100).

Chiudi il menu