La dieta di Karl Lagerfeld: come lo stilista perse 40 kg

Karl Lagerfeld non è stato solo un grandissimo stilista, ma un uomo che in nome della moda e non solo della salute, intorno al 2004 perse in un anno (tredici mesi, specificò lui) la bellezza di 40 chili.

All’epoca la notizia del suo dimagrimento fece il giro dei giornali di tutto il mondo. Oggi, a poco tempo dalla sua morte, il libro sulla sua dieta, che Lagerfeld scrisse con la collaborazione del nutrizionista Dr. Jean-Claude Houdret, verrà forse ristampato.

Nel libro “La dieta di Karl Lagerfeld“, al momento non disponibile, pubblicato nel 2005, lo stilista descriveva nel dettaglio la sua dieta, che in questi giorni la rivista Cooking Light ha riproposto in esclusiva.
Ecco, insomma, come il Kaiser della moda perse 40 kg in tredici mesi senza più riprenderli.

LA DIETA DI KARL LAGERFELD: COME LO STILISTA PERSE 40 CHILI

La dieta si divide in 3 fasi. Una ipocalorica rigida da 800-900 calorie al giorno, una fase da 1000-1200 calorie e un piano di mantenimento da 1600 calorie.
A chi è adatta la dieta.
La dieta è adatta a uomini sopra i 50/60 anni molto sedentari o a donne sopra i 40 anni sedentarie e di altezza media.

LA DIETA DI KARL LAGERFELD: PRIMA FASE
Piano di esempio.

Colazione: uno shake proteico da 250 calorie, esempio qui.
Pranzo e cena: uno shake proteico da 250 calorie (esempio qui) + una porzione da 200 grammi di verdure in foglia (spinaci, insalata, radicchio, indivia, broccoli) cotte o crude con aromi e spezie o succo di limone.
Snack possibile: un cetriolo medio + 2 fette di bresaola.
Durante il giorno: caffè, tè, tisane e bevande a zero calorie sono permesse.
La prima fase va fatta per due settimane. Si perdono i primi 7-8 chili.

LA DIETA DI KARL LAGERFELD: SECONDA FASE
Piano di esempio.

Colazione.
150 grammi di yogurt greco scremato o una frittata di un uovo grande + un albume più 50 grammi di frutta acidula tra mirtilli, ribes, lamponi, kiwi. Tè o caffè senza zucchero.
Snack possibile: un cetriolo medio + 4 fette di bresaola o prosciutto cotto.
Pranzo e cena: 120 grammi di petto di pollo o tacchino o merluzzo o tonno al naturale + una porzione libera di verdure in foglia (spinaci, insalata, radicchio, indivia, broccoli) cotte o crude con aromi e spezie o succo di limone + un cucchiaino di olio.
In alternativa alla verdure: minestrone senza legumi né patate nella quantità desiderata.
A fine pasto: 125 grammi di yogurt magro bianco con dolcificante o 20 grammi di grana padano o parmigiano.
Merenda: un frullato da 200 calorie come questo.
Durante il giorno: caffè, tè, tisane e bevande a zero calorie sono permesse.

Questa fase va seguita fino alla perdita di quasi tutto il peso in eccesso, ovvero 25-30 chili, e dura circa 4-5 mesi.

LA DIETA DI KARL LAGERFELD: TERZA FASE
Piano di esempio.

Colazione.
150 grammi di yogurt greco scremato o una frittata di un uovo grande + un albume. Più 50 grammi di frutta acidula tra mirtilli, ribes, lamponi, kiwi + 2 fette biscottate integrali con due cucchiaini di marmellata senza zucchero.
Tè o caffè senza zucchero.
Snack: 10 mandorle.
Pranzo e cena.
120 grammi di petto di pollo o tacchino o merluzzo o tonno al naturale o 100 grammi di vitello o 80 grammi di bresaola/prosciutto cotto o 150 grammi di gamberi/cozze/vongole o 120 grammi di legumi in scatola sgocciolati + una porzione libera di verdure in foglia (spinaci, insalata, radicchio, indivia, broccoli) cotte o crude con aromi e spezie o succo di limone oppure 250 grammi di ortaggi (zucchine, melanzane, pomodori, peperoni, funghi, zucca, finocchi, cavolfiore) + un cucchiaino di olio + (una sola volta al giorno, ovvero per un pasto) 80 grammi di pane integrale o 60 grammi di riso basmati/pasta integrale/gallette di riso/mais o 200 grammi di patate. Un cucchiaio di salsa di pomodoro è permesso.
Dopo pranzo o dopo cena.
125 grammi di yogurt magro vitasnella o 10 grammi di cioccolato fondente extra.
Merenda.
150 grammi di frutta tra arance, kiwi, melone, clementine, pesca, mela, pera, albicocche, frutti rossi, prugne fresche, anguria una volta al giorno.

Questa fase va seguita come piano di mantenimento e inizialmente permette di perdere i chili rimanenti.
Arrivati al peso ideale, è possibile aggiungere un pasto libero moderato a settimana.

Nota: i piani di esempio per ciascuna fase sono stati realizzati seguendo le indicazioni del libro su calorie e lista di cibi, ma non sono identici, bensì miei. 

Chiudi il menu