La dieta dopo Natale del dottor Pier Luigi Rossi

Ce l’abbiamo fatta! Abbiamo superato il 24, 25 e 26 dicembre, e adesso oltre ai sensi di colpa, abbiamo la pancia gonfia e la voglia di rimetterci in carreggiata. Missione impossibile? Assolutamente no.
Una mini dieta dopo Natale è quello che ci vuole per poter essere “pronti” al Capodanno, senza continuare a mangiare in modo disordinato in questi giorni a cavallo tra le due feste, senza abbatterci perché la bilancia segna qualche chilo in più, senza rovinarci lo spirito di festa, ma con la consapevolezza che possiamo tornare a stare in forma proprio usando questi giorni in modo intelligente. Come? In questo articolo vediamo la dieta dopo Natale del dottor Pier Luigi Rossi, dietologo, nutrizionista ideatore del metodo molecolare. Il dottor Rossi propone dal 26 al 30 quattro giorni di dieta, ma, mettiamo invece in conto che il 26 essendo stato Santo Stefano sia stato impossibile trattenerci a tavola come volevamo.
Vediamo allora come sfruttare i 4 giorni dal 27 al 30 (inclusi) per ritornare subito in forma (fonte). 

DIETA DOPO NATALE
I consigli del dottor Pier Luigi Rossi
PRIMA FASE
3 giorni di cereali o 2 giorni di cereali e 1 di alimentazione pesco vegana.
Dal 27 al 29 inclusi, scegliamo o tre giorni di rotazione di cereali integrali o due giorni a scelta secondo questo modello e un giorno di alimentazione pesco vegana.
3 GIORNI DI CEREALI

Un giorno si mangia riso, uno orzo e uno farro integrale secondo questo schema.
Colazione: una tazza ti tè verde o caffè, prosciutto crudo magro 70 gr o ricotta vaccina 150 gr o fiocchi di latte 150 gr (potete frullarli con poca cannella e dolcificante per ottenere una crema, mio consiglio), 1-2 fette di pane integrale o di segale + 4 mandorle
Pranzo: un alimento proteico* (vedi lista sotto) + 50 gr di riso/orzo/farro (un giorno uno, un giorno l’altro, il terzo l’altro ancora, peso da crudo, cereale integrale e non raffinato) con 3 cucchiaini di olio extra vergine di oliva.
Cena: un alimento proteico* + 40 gr di riso/orzo/farro (peso da crudo)
Snack dopo cena: 5 mandorle o 3 noci o 5 nocciole
Snack metà mattinata e metà pomeriggio: centrifugato con 80% di verdura (finocchi, spinaci, cetrioli, sedano, barbabietola, carote, zucca) e 20% verdura. Per es.: 200 gr di verdura a scelta + 50 gr di un frutto a scelta.
Per l’alimento proteico, gr pesati da crudo: Pollo (petto): 120/Pollo (intero senza pelle): 140/Coniglio magro: 120/ Tacchino (petto): 130/Vitellone magro: 120/Agnello magro: 130/Maiale magro: 120/Nasello: 160/Dentice: 170/Cernia: 160/Orata: 140/Palombo: 170/Razza: 200/Rombo: 170/S.Pietro: 170/Salmone fresco: 150/Sogliola: 170/Spigola: 170/Triglia: 180/Pesce spada: 170/Sarda: 130/Polpo: 220/Seppie: 200/Calamari: 220/Prosciutto crudo magro: 70/Prosciutto cotto magro: 60/Bresaola: 70/ Mozzarella vaccina: 100/ Stracchino: 70/Scamorza: 70/Ricotta vaccina: 150/Fiocchi di latte magri: 150
Asiago: 70/Parmigiano: 50 / Grana: 50
In alternativa:
2 GIORNI DI CEREALI PIÙ UNO DI ALIMENTAZIONE PESCO VEGANA
Scegliamo due dei tre giorni di cereali (quindi un giorno riso integrale e uno farro, o uno orzo e uno farro, ecc) per i giorni 27 e 28 dicembre, più il terzo giorno, quindi il 29 dicembre, seguiamo invece questo schema di alimentazione
(SEGUE A PAGINA DUE)