La dieta GOLO: via 10 chili in tre mesi

Sono sicura che non conoscete la dieta GOLO, dieta famosissima negli Stati Uniti. 
Ma ne avete fatta una simile almeno una volta.

La GOLO diet è una dieta low carb con un programma per abbonamento, che ha avuto un successo strepitoso ma non è ancora arrivata in Italia. Parte del successo della dieta GOLO sta nel suo inventore, il dottor Keith Ablow.
Noto psichiatra statunitense, autore di libri e programmi di auto aiuto, Ablow promette di far perdere a chi segue la dieta ben dieci chili in tre mesi, con una serie di vantaggi metabolici.

Ablow infatti dice di aver trovato il sistema di abbassare l’età metabolica delle persone di 8 anni, ovvero di ringiovanirle dal punto di vista della loro capacità metabolica.

Ovviamente l’ha dapprima testato su se stesso e ha così inventato la dieta GOLO.
Insomma, con la dieta GOLO il metabolismo accelera.

Ecco i tre segreti della dieta GOLO e come imitare questi risultati. 

DIETA GOLO, CHE COSA E’?

Come vi avevo anticipato, avete già fatto una dieta simile almeno una volta in vita vostra.
La dieta Golo è infatti una dieta low carb, e come alcuni studi hanno dimostrato, nei primi tempi le low carb fanno perdere più peso delle diete con carboidrati.
Dunque immaginatevi un regime proteico con pochi carboidrati.

La differenza sta che rispetto alla dieta low carb vera e propria, la dieta GOLO associa anche degli integratori con ingredienti naturali in grado di aumentare la sensibilità insulinica e ridurre il senso di fame, e un programma di esercizi ad alta intensità (HIIT training), che non occupano più di mezzora a giornata.

Funziona? L’efficacia della dieta GOLO infatti è stata varata tramite uno studio su un campione di partecipanti, e la media di peso persa è di 10 chili in 3 mesi. Ecco il piano da seguire.

DIETA GOLO: DIMAGRISCI 10 KG IN 3 MESI

Alimenti consentiti.
Proteine: uova, vitello, pollo, tacchino, bresaola, frutti di mare, pesce bianco (nasello, orata, spigola, merluzzo), tonno al naturale, latticini scremati (yogurt greco bianco 0%, quark bianco 0%, fiocchi di latte, latte scremato). Dosi: 100 grammi a pasto per le proteine solide, 200 ml per yogurt/latte o 2 uova.
Carboidrati ammessi: zucca, frutti rossi, fragole, ciliegie, agrumi, patate dolci, patate normali, fagioli lessi, mais dolce, frutta acidula come kiwi, frutta poco calorica come melone. Dosi: 100 grammi a pasto (fagioli e mais da cotti, il resto da crudo).
Fibre: verdure di tutti i tipi.
Grassi: noci, olio di oliva, olio di cocco, semi di chia, semi di lino, semi di canapa, cacao amaro. Dosi: 10 grammi circa a pasto.
Dolcificanti consentiti: stevia.

* le quantità sono pensate per le donne. Gli uomini devono moltiplicare x2 sia le proteine che i carboidrati nei 3 pasti principali Rimangono invariati gli spuntini. 

Piano dimagrante. 

Un integratore di magnesio + zinco + cromo. Un integratore di inositolo o uno di acido alfa lipoico.
Entrambi devono essere assunti prima di colazione.
Colazione: un alimento proteico a scelta (latte, latticini o uova), un alimento a base di carboidrati a scelta, un alimento a base di grassi.
Snack: una porzione di frutti rossi + una porzione di grassi, per esempio noci.
Prima dei pasti: una pillola di estratto di foglie di banaba (una a pranzo e una a cena).
Pranzo e cena: un alimento proteico a scelta, un alimento a base di carboidrati, un alimento a base di grassi + fibre (cioè verdure) in quantità libera.
Pomeriggio: un integratore a base di rodhiola.
Merenda: un alimento proteico a scelta + una porzione di grassi (per esempio 100 grammi di yogurt scremato + 10 grammi di mandorle).
Attività fisica: 20 minuti di HIIT, come questo dopo colazione o dopo merenda.
Ulteriore integrazione: 3 capsule di pectina (una prima dei pasti) assunta con abbondante acqua.

Per avere un piano settimanale preciso della dieta guarda il menu di una settimana. 

Mantenimento: rimane la regola di associare un alimento di proteine a uno di grassi e carboidrati.
La lista dei carboidrati aumenta: si possono assumere la prima settimana anche 30 grammi di pane a pranzo e a cena o raddoppiare la dose di patate o fagioli (o scegliere altri legumi). Dalla seconda settimana di mantenimento a pranzo o a cena si possono mangiare 50 grammi di pasta o riso. Dalla terza settimana si può fare un pasto libero con moderazione.

Chiudi il menu