La dieta per calcoli renali o dieta a bassi ossalati

La dieta per calcoli renali è una dieta che ha delle precise caratteristiche preventive alla formazione di calcoli renali o di coliche renali. Si tratta di una dieta che limita i cibi che contengono ossalati, fornisce un’integrazione adeguata e punta su una maggiore idratazione con delle acque specifiche.
Vediamo nel dettaglio in cosa consiste la dieta per calcoli renali.

DIETA PER CALCOLI RENALI. IN COSA CONSISTE?

La dieta per calcoli renali consiste nell’applicazione di tre semplici regole per evitare la formazione dei calcoli renali e delle coliche renali. Ovvero.

  1. Maggiore consumo di acqua a basso residuo fisso, nelle dosi di almeno due litri al giorno.
    Esempi di acque a basso residuo fisso sono per esempio la Sant’Anna, la Billa, la Levissima, la Lauretana. Di quest’acqua la maggior parte del consumo deve avvenire dalla mattina presto fino alle 3-4 del pomeriggio. Prima di colazione, inoltre, è meglio bere un bicchiere di acqua acidulata con poche gocce di succo di limone (non mezzo, non uno!).
  2. Riduzione o eliminazione dei cibi che contengono ossalati, riduzione del sale, di un eccessivo consumo di proteine.
    Vedi lista dei cibi a pagina due.
  3. Utilizzo dei citrati come il BasenPulver o, una marca che ho consigliato e usato sempre con successo per la convenienza economica e l’assenza di additivi o dolcificanti, Leppin – Magnesio + Potassio.
    Lavorare con i citrati è un ottimo modo per prevenire i calcoli, i problemi di acidità e reflusso e favorire una corretta depurazione, ma occorre iniziare gradatamente, per esempio assumendo una compressa una volta al giorno dopo pranzo o cena, per poi arrivare a due-tre compresse massimo, questo per evitare piccoli fastidi intestinali.

Vediamo quali cibi prediligere e quali limitare o eliminare nella dieta per calcoli renali
(SEGUE A PAGINA DUE).

Chiudi il menu