Vitamine del gruppo B: 5 modi per evitare la carenza

Le vitamine del gruppo B, in particolare la tiamina (vitamina B1), la riboflavina (vitamina B2), la niacina e/o il niacinammide (vitamina B3), l’acido pantotenico (vitamina B5), la piridossina (vitamina B6), l’acido folico (vitamina B9) e la vitamina B12 sono tutte molto importanti per la nostra salute. E adesso vi spiego perché.

Sebbene le vitamine del gruppo B non abbiano tutte la stessa funzione, tutte partecipano a diversi meccanismi energetici a livello della cellula: questo avviene su molti livelli, andando ad agire sia sulla nostra energia che sulla digestione, sulla massa muscolare, sul sistema nervoso. Alcune agiscono sul sistema nervoso e cardiovascolare e migliorano il metabolismo energetico (come la B1), altre potenziano il metabolismo glucidico, permettendoci di bruciare di più e perfezionando così la conversione del glucosio in Atp. Altre sono importanti per regolare delle funzioni specifiche, come per esempio l’utilizzo di alcuni amminoacidi o di minerali importanti come il ferro.

Interessandomi di bionutrizione, ho risolto alcuni casi in cui le persone con problemi di insonnia e stanchezza o metabolismo lento che spendevano soldi in migliaia di rimedi inutili avevano semplicemente bisogno di una vitamina B in particolare, di cui si è scoperto erano carenti. I risultati sono stati: maggiore energia, ritmi circadiani ristabiliti completamente, maggiore stabilità umorale.

La carenza da vitamine del gruppo B infatti non è rara. Le vitamine B sono un gruppo di vitamine idrosolubili, dunque è importante assumerle giornalmente. E purtroppo lo stress, il fumo di sigaretta, l’alcol, la pillola nelle donne, gli integratori sbagliati, l’uso e abuso di eccitanti o di alcuni farmaci portano a una perdita di queste vitamine.
Il multivitaminico non è spesso la soluzione più intelligente. Uno perché le vitamine di sintesi non hanno la stessa biodisponibilità di quelle che introduciamo naturalmente con il cibo, due perché spesso i dosaggi sono esagerati.

Infine, perché costruire un buon pattern alimentare, che sia supportivo, è il modo migliore per evitare questa e altre carenze. A pagina due vediamo alcuni alimenti che possono venire in aiuto a chi ha una carenza di vitamine del gruppo B.
(SEGUE A PAGINA DUE)

  • 10
    Shares