Vivere 120 anni e il metodo di Adriano Panzironi: il caso delle Iene

L’altra sera è uscito un servizio delle Iene dove si è parlato del giornalista Adriano Panzironi, autore del libro “Vivere 120 anni” e ospite fisso in un suo programma le cui puntate si possono vedere anche su youtube.
Più di una volta qualche lettore del mio blog mi ha chiesto informazioni sul cosiddetto “metodo Panzironi” per curare precise patologie, a queste persone ho sempre detto la stessa cosa che ho già scritto in passato e che torno a scrivere adesso: secondo le attuali conoscenze scientifiche, non si possono curare delle gravi malattie con la sola alimentazione.
Per ogni malattia esistono trattamenti medici specifici. 

L’alimentazione può senza dubbio svolgere un ruolo preventivo, ma non curativo, senza le opportune terapie, di un problema patologico serio. E senza dubbio un’alimentazione squilibrata può essere causa di alcune patologie, e in parte rischio di altre più gravi.
Se abbiamo fatto indigestione, mangiare più leggero è la prima cosa da fare. Se abbiamo dei chili di troppo, fare un intervento dietetico, dunque alimentare, è la prima cosa da fare.
Ma l’alimentazione da sola non porta via i tumori, non ci salva dalle malattie autoimmuni, e quando abbiamo bisogno del medico per curarci, è al medico che dobbiamo rivolgerci. Ve lo dico da persona che ha frequentato corsi di: fitoterapia, naturopatia, oligoterapia e medicina alternativa per bagaglio conoscitivo personale, che conosce bene le sostanze naturali, gli oligoelementi, e tutto quello che di buono si può fare con la natura. Buono sì, ma niente miracoli.

Una persona può prendersi ovviamente il rischio autonomo di rifiutare le terapie e scegliere un’altra strada: questa è un’opzione legalmente possibile, di cui ogni tanto ho dato notizia. Ma non può sostituirsi al medico svolgendo le sue funzioni, ovvero convincendo le persone, direttamente o per mano di un suo staff, a seguire un percorso alternativo e abbandonare le terapie tradizionali, vendendo integratori con la promessa che il male, qualsiasi esso sia, sparirà grazie a essi.

Il metodo Panzironi, che si basa sul libro”Vivere 120 anni“, lascerebbe a intendere che, con un approccio alimentare che segue pressappoco il modello della dieta Paleo o delle diete definite “evolutive” e un’integrazione a base di ingredienti naturali, sia possibile guarire da moltissime delle malattie dell’uomo moderno, proprio perché l’alimentazione sarebbe la causa di tutte queste malattie.
Ora, non entro nel merito del libro,
perché l’inchiesta delle Iene si è focalizzata sull’integrazione consigliata dalla trasmissione di Panzironi e dal suo staff telefonicamente, capace, a loro dire, di poteri curativi.
Ma non è la prima volta che qualcuno ha detto una cosa del genere, che si potessero guarire malattie gravi con l’uso di un integratore naturale o di un metodo alternativo alle terapie ufficiali.
E non è la prima volta che qualcuno ci abbia costruito un business sopra perché stando alla trasmissione, di business si tratterebbe, dato che gli integratori sono venduti. 
Robert Young, ideatore della dieta alcalina, è finito in carcere proprio con l’accusa di abuso della professione medica, perché molti suoi “pazienti” hanno abbandonato le terapie mediche convenzionali per affidarsi al suo metodo, ovviamente pagandolo. Con il risultato che sono morti. Su Panzironi, così come su altre faccende che arrivano all’attenzione degli spettatori attraverso un programma televisivo, non voglio esprimermi oltre: saranno le giuste sedi legali a fare luce sulle sue responsabilità. 
Il mio consiglio, però, ogni volta che qualcuno vi prospetta l’idea che sia possibile guarire dalle malattie mangiando in un determinato modo o assumendo un integratore, è sempre lo stesso: diffidate.