Rassodare la pancia con i 7 consigli di Kayla Itsines

Come rassodare la pancia? E cosa significa, esattamente, rassodare la pancia? Ebbene, ogni volta che parliamo di “rassodare” parliamo indirettamente di tonificazione muscolare. Dunque, se vogliamo rassodare le gambe, il sedere, le braccia e sì, anche la pancia, la cosa migliore è combinare alla dieta dell’esercizio fisico. Ora, se vogliamo rassodare la pancia ci sono però altre due cose da tenere in considerazione: la prima è che una pancia gonfia, per quanto possa avere una parete addominale allenata, non sembrerà mai soda e tonica come la vogliamo, dunque dovremo fare attenzione a individuare i cibi che ci gonfiano di più, e cercare di limitarli, scegliendo anche di fare pasti che magari non ci appesantiscano troppo se abbiamo difficoltà digestive. La seconda è che basta anche poco grasso addominale a ridurre l’effetto della pancia tonica. Quindi per rassodare la pancia dovremo da un lato ridurre grasso (con il giusto deficit calorico) e gonfiore addominale, dall’altro allenarci. Non fare una di queste cose riduce drasticamente le probabilità di avere una pancia piatta e tonica.

Vediamo per esempio cosa suggerisce la coach Kayla Itsines, ideatrice del metodo “Bikini Body” per rassodare la pancia.
Come vedrete, questi consigli sono utili anche contro il gonfiore e la riduzione del grasso addominale.
COME RASSODARE LA PANCIA: I 7 CONSIGLI DI KAYLA ITSINES

1) Fai uno snack nel primo pomeriggio: tra pranzo e cena spesso possono passare anche sei o sette ore. Se non sei abituato a pratiche come il digiuno intermittente, se non mangi qualcosa dopo due ore dal pranzo, rischi di ritrovarti a cena con tanta fame e la voglia di mangiare la qualunque. La Itsines consiglia di spezzare il digiuno al primo segno di fame, ma con degli snack intelligenti, che siano bilanciati sotto il profilo proteico e siano a basso impatto glicemico. Per esempio 100 gr di yogurt greco (circa 60 calorie) con poca stevia e cannella, su una fetta wasa integrale light, più un cucchiaino raso di marmellata senza zuccheri o poco cacao amaro. Uno spezzafame saziante da 100 calorie.
2) Riduci il sale prediligendo cibi naturali, ed evitando invece snack salati, salse e condimenti confezionati. 
3) Mastica a lungo e piano, facendo bocconi più piccoli, per evitare di incamerare aria mentre mangi.
(SEGUE A PAGINA DUE)

Pagina: 1 2

Eleonora Bolsi

Diplomata in bio-nutrizione con la qualifica di coach di nutrizione e benessere, sono independent researcher, imprenditrice e scrittrice in tema di diete, nutrizione, alimentazione naturale, disturbi e problematiche relative alla body-image.

Condividi
Pubblicato da
Eleonora Bolsi

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi l'informativa sulla privacy e la cookie policy